9 Agosto

Il Museo Archeologico Regionale Eoliano “Luigi Bernabò Brea” il giorno 9 agosto alle ore 19.00 presenta il libro di Macrina Marilena Maffei,

Donne di mare. Una storia sommersa dell’arcipelago eoliano  (Pungitopo, Messina, 2013)

Pescavano,  remavano, navigavano in mare aperto per andare a vendere  i loro pesci  sulle coste della Sicilia e del continente. E’ il mondo del mare che l’Autrice fa conoscere non come luogo privilegiato del lavoro degli uomini ma declinato al femminile.  A raccontarlo sono le donne delle Isole Eolie.

Donne  forti, coraggiose, tenaci, dal carattere avventuroso. Donne che da sole o accanto ai loro uomini hanno avuto la capacità di svolgere un mestiere duro e antichissimo: quello della pesca. Il loro operato si pone  come fondamento di un’organizzazione  familiare e sociale che ha contribuito a sorreggere la comunità insulare dai tempi passati e sino agli anni Cinquanta del Novecento.

Eppure il loro lavoro in mare e per mare è  stato  sino ad oggi quasi  dimenticato. In definitiva ad esse è accaduto ciò che spesso è successo alle donne di tanti altri paesi del mondo:  è stato loro negato il diritto alla memoria. Confinate da  oltre mezzo secolo nel regno sigillato del silenzio,  divenute da allora ‘invisibili’ di fronte alla comunità insulare e siciliana,  le femmine marinare fanno  ora sentire la loro voce. Una voce che l’Autrice ha raccolto  durante i lunghi anni di ricerche etnografiche condotte dall’ Ottanta in poi nelle Isole.

Il libro pubblica le storie  di donne che hanno remato di giorno e di notte, che hanno varato le barche, tirato le reti, salpato le nasse e trascinato le barche a secco. Donne che quando hanno pescato di  notte,  di giorno hanno seminato la terra,  raccolto le olive e i capperi. Donne che hanno generato i figli e li hanno allevati. E talvolta  a qualcuna di loro é successo di partorirli  sulle spiagge,  a molte  di allattarli sulle barche sballottate dalle onde.

Donne che hanno saputo coniugare insieme mare, terra e famiglia e   ci insegnano il valore e la dignità del lavoro. Ne discutono insieme, nella suggestiva cornice della Torre Greca, la giornalista e regista Giovanna Bongiorno, il prof. Piero Craveri (Università Suor Orsola Benincasa di Napoli),  il prof. Alberto Siracusano (Università degli Studi di  Roma “Tor Vergata”), il prof. Sebastiano Tusa, Soprintendente, (Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali  del Mare della Regione Siciliana). Introduce e coordina il prof. Umberto Spigo.  Interviene la prof.ssa Anna Siracusano. Brani letti da Paola Centurrino.

 

Si ricorda che alle 21.30 presso l’Albergo Casajanca di Canneto, si svolgerà: 

“Caccia al  libro… d’autore” 

L’autore “pescato” nel retino dell’Associazione I.Dee è Antonio Amico, con “Caro Vincenzo” ed altre storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...