Arrivederci Michele! (E grazie di tutto)

Da qualche giorno, Michele Benfari ha lasciato il suo posto di dirigente al Museo Archeologico “L. Bernabò Brea”, per effetto dei recenti – e talvolta imperscrutabili – meccanismi di turnazione del personale della Regione Siciliana.
La notizia del suo trasferimento è stata accolta con un silenzio che onestamente riteniamo ingeneroso.
Innanzitutto perché, da tanti anni ormai, nel bene e nel male, Michele era parte integrante della nostra comunità, dei suoi piccoli riti, delle sue consuetudini, della vita di ogni giorno; mentre altri si incontravano quasi sempre con una valigia in mano, lui aveva scelto di vivere nell’isola perché gli piaceva. Per chi viene da “fuori”, imparare ad apprezzarne persino i limiti e le contraddizioni è un esercizio dall’esito non sempre scontato, né immediato.
Invece, immediatamente dopo essersi insediato al Museo, Michele ha cominciato a tempestare tutti con telefonate, appuntamenti, incontri. Fondamentalmente, ripeteva “venite, salite al Castello, facciamo qualcosa”.
Non capita tutti i giorni che il “messo inviato dall’impero” desideri aprire le porte del suo feudo alla gente, e quando la gente non è avvezza a tale comportamento, di solito reagisce con genetica diffidenza.
Chi per natura è meno sospettoso, però, ha subito apprezzato lo spirito intrinseco di quelle proposte, che a volte assumevano quasi un tono di supplica, “non abbiamo soldi, ma facciamo qualcosa lo stesso”. Non c’è dubbio, soldi ce n’erano davvero pochi; ma questo non ci ha impedito di vivere una bellissima stagione, dove la parola d’ordine è divenuta presto “restituire il luogo più espressivo di questa comunità alla comunità stessa”.
Mai come negli ultimi anni il Museo ha aperto i propri spazi alle più varie e fantasiose iniziative, che andavano dall’arte contemporanea alla sua riproposizione in suggestive e provocatorie commistioni con l’antico, dalle tavole rotonde su temi sociali e letterari alla musica.
Basterebbe pensare alla mostra “Contaminazioni”, dove per la prima volta sono state esposte le opere di collezioni private dei nostri concittadini; o al memorabile concerto della banda della Città di Lipari quest’estate, al tramonto, sulla torre greca del Castello.
Se glielo avessero permesso, Michele avrebbe preferito ascoltarlo in mezzo ai musicisti, magari con una grancassa a tracolla; invece stava seduto tra il pubblico, spiando con uno sguardo sornione gli spettatori che scoprivano l’inattesa bellezza della torre, del nostro Castello.
Già, il nostro Castello.
Adesso che Michele si dedicherà ad altre cose in un altro posto, ce lo ricorderemo ancora che quel luogo meraviglioso e millenario è la nostra storia, la nostra identità, il cuore della nostra cultura?
Vogliamo credere che sarà così, che gli insegnamenti positivi non si dimenticano. E magari si ringraziano.
Grazie Michele, e buona fortuna.

Pietro Lo Cascio, Silvia Carbone, Massimo Del Bono, Flavia Grita, Michele Bellamy Postiglione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...